24 Giugno 2021

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
TV

Zero maschere, solo Renato in onda su Sky

13 Aprile 2021

È Renato Zero il protagonista del nuovo appuntamento di Stories, interviste dedicate al mondo dello spettacolo di Sky TG24, in onda il 14 aprile alle 21:00.

Per festeggiare con i suoi fan i suoi 70 anni, il cantante romano ha pubblicato il triplo album Zerosettanta, che contiene ben 39 brani inediti e i cui tre volumi sono stati pubblicati a distanza di un mese l’uno dall’altro. Un traguardo, quello del suo settantesimo compleanno, che non ha però cambiato il suo modo di guardare sempre avanti, al futuro: "Come regola di vita e professionale – ha spiegato l'artista - ho sempre cercato di utilizzare le nozioni che il passato mi ha elargito in funzione del fatto che il futuro deve essere una finestra aperta: tutto ciò che mi si parerà davanti deve comunque avere il gusto della sorpresa e della meraviglia. Per raccontare e rendere partecipi gli altri io devo essere il primo a meravigliarmi, a sorprendermi."

Renato Zero ospite di
Stories su Sky Tg24 e Sky Arte

A spingerlo, agli inizi della sua carriera è stata una sorta di rivendicazione della propria presenza nel mondo. Ognuno di noi deve vantare la pretesa di voler diventare qualcuno, un po’ di ambizione è necessaria, aiuta la testa, l’idea, il rapporto con gli altri, trascinare anche l’ultimo in una parità di idee e di energie. E parlando della scelta di esibirsi con costumi folli, Zero ha detto: "Credo che una pelle non mi bastasse, allora ne ho indossate parecchie, poi tornerò alla pelle originale perché è una pelle che ha lavorato, è meno elastica di ieri, ma più robusta e consistente."

Aneddoti inediti raccontati
da Renato Zero a Sky TG24

Tra gli aneddoti, anche quello di un difficile concerto nel giorno della vigilia di Natale del 1973, quando si ritrovò a cantare per un solo spettatore: "Fu una prova attitudinale molto forte. – ha detto l’artista - Per il direttore del Folk Rosso non era possibile che mi esibissi davanti a uno spettatore e mi chiese se potevamo rimborsare il biglietto e io sarei tornato a casa. Io però insistetti perché quella sera, era il 24 di dicembre, avevo salutato la mia famiglia adducendo che andavo a lavorare, non potevo permettermi il lusso di tornare a casa. Costrinsi il gestore a farmi esibire e credo di aver superato una delle prove più difficili della mia vita professionale, perché è veramente difficile cantare per un solo spettatore. Però la sera successiva feci di nuovo lo spettacolo al Folk Rosso e quel signore venne con venti persone."

Iscriviti al nostro canale YouTube!

INSTAGRAM

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.